Nata nel 1929 a Matsumoto, Yayoi Kusama approccia la pittura come terapia, per dare forma alle allucinazioni che la colgono dall’età di 10 anni. Attraverso i colori, la piccola riesce a dar forma al suo complesso mondo interiore ed emotivo. Il suo interesse per l’arte la spinge a studiare la pittura Nihonga, uno stile realistico e fondato sul rigore.

Yayoi Kusama

La sua curiosità, però, la porta presto a New York, dove la scena artistica degli anni Cinquanta/Sessanta è in fermento. Qui comincia a creare alcune opere della serie Infinity Net, ma anche Accumulation e Sex Obsession.

Dalla metà degli anni Sessanta, la sua sperimentazione artistica trasforma le sue opere in performance provocatorie, chiamate Kusama Happenings, in cui il corpo umano entra a far parte dell’opera.Yayoi Kusama, infatti, dipinge sui corpi dei partecipanti i suoi ormai famosi pois, rendendoli così tela su cui imprimere la sua ricerca artistica.Poiché queste performance prendono vita in luoghi pubblici, spesso dove intervenire la polizia e così l’artista finisce sotto processo diverse volte. Il suo approccio libero e liberatorio verso il corpo umano e la libera sessualità ne farà presto un’icona del movimento omosessuale.

Negli anni Settanta, dopo aver esposto nelle più importanti gallerie del mondo, l’artista rientra in Giappone, dove la sua arte subisce un’ulteriore evoluzione: alla pittura si affiancano la poesia e la scrittura surrealista, ma anche la scultura e la progettazione di sale e installazioni.

Tra il 2012 e il 2013, Yayoi non manca di lasciare la sua inconfondibile impronta nel mondo della moda: prima collaborando con l'allora direttore artistico Marc Jacobs per la creazione di una linea di borse Louis Vuitton, dove sono stati ripresi i modelli più iconici in cui la classica tela Monogram è stata sostituita con la ben più prestigiosa pelle Monogram Vernis Dots Infinity, poi vestendo di Pois l'attore George Clooney, il quale appare così, fotografato da Emma Summerton, con giacca, camicia e cravatta (stile arco) creato da Kusama su disegno di Giorgio Armani.

lv

gc

Dal 1977 la Kusama vive nell'ospedale psichiatrico Seiwa, in Giappone, per scelta personale. Dipinge quasi quotidianamente nello studio a Shinjuku.